Eccoci qua! Uno dei momenti più belli nella vita di una donna è arrivato. Sei emozionata, entusiasta, vedi il tuo pancione crescere, e crescere, e crescere…. E poi le gambe, il sedere e le braccia… ma i bambini non crescevano solo nella pancia?! Una gravidanza è sì un momento magico, ma vogliamo dirci apertamente che fatica vedere il proprio corpo cambiare in maniera così radicale?

“La donna incinta è bella come non mai…” ma quando? Quando si muove sinuosa e agile come una papera? Quando ha bisogno della gru per alzarsi dal divano? Forse bella per gli altri.

Ma la gravidanza ancora va bene, parliamo del rientro a casa? Quando hai tutti i fastidi possibili, la pancia che sembra un soufflé, oltre ad avere 10 kg in più, che ti chiedono “ma come, aspetti già il secondo?”. Come minimo sei depressa, non ti entra più nulla, ti fai letteralmente schifo… poi guardi tuo figlio e stai un pochino meglio.

In questo bel scenario ovviamente l’ultimo pensiero che balena per la mente di una neo mamma è la palestra. Allattamento, coliche, bimbo piange sempre, magari altri figli da accudire, la casa, la famiglia, il marito, la lavatrice, le pulizie, cucinare, stirare, amare tutti, ricevere le visite… ma che, siamo dei super eroi? No! Tutt’altro. Anche se difficile e impensabile, bisogna superare queste barriere mentali e trovare del tempo per se stesse. Non tanto per piacere agli altri, più per piacere a se stesse, per essere felici e serene, perché solo una mamma felice cresce dei figli felici. Meglio avere la casa un po’ meno pulita, ma guardarsi allo specchio con serenità, non trovate?

Partiamo dal pre-gravidanza. Sicuramente il corpo va “preparato” a una gravidanza. Se già prima non si è molto in forma, la gravidanza non fa di certo dimagrire. Inoltre un corpo con una muscolatura adeguata, tonico e forte, affronta meglio il peso della pancia e la postura che si modifica nei 9 mesi successivi.

Sfatiamo il mito:” in gravidanza mangio per due”. Niente affatto! È sufficiente un 10% in più, che corrisponde a circa 200 calorie. Quindi, non te ne approfittare! È importante seguire un regime alimentare corretto già prima della gravidanza. Con un corpo abituato a mangiare bene, è più facile rimanere sulla retta via. Abituati a mangiare tanta frutta e verdura, cerca di mantenere bilanciato l’equilibrio tra carboidrati, proteine e grassi, bevi tanta acqua… e non ti strafogare!!

Dopo il parto c’è la resa dei conti: dopo aver eliminato bambino, placenta e liquidi vari, vedrai quanto effettivamente è rimasto “attaccato”, quindi quanto deprimerti…  Ma niente paura! Non c’è nulla che non si possa riparare con un po’ di ginnastica. Poca, ma mirata!

Anche se i muscoli riacquistano l’elasticità e le dimensioni originarie, il ritorno spontaneo alla normalità avviene molto gradualmente. Quindi non ti demoralizzare e metti in conto un anno per tornare come prima, poi se ci metti meno, tanto meglio!

 

Innanzitutto non ti impigrire ma attivati sin da subito. Indipendentemente se hai avuto un parto naturale o cesareo, una passeggiata di 30 minuti al giorno non te la toglie nessuno. La puoi fare tranquillamente con il passeggino che tanto si sa, i bambini nel passeggino dormono sempre (per fortuna!)

Già subito dopo il parto puoi riprendere contatto con il tuo pavimento pelvico. Il rilassamento dei muscoli intorno ai genitali è una conseguenza immediata del parto: se non pratichi esercizi mirati a rinforzare tale muscolatura, il rischio è che con il passare del tempo si verifichino spiacevoli situazioni di incontinenza urinaria quando tossisci, stranutisci, fai uno sforzo o ridi tanto. Nei casi più gravi anche il prolasso uterino. Se non hai mai sentito nominare questa zona del corpo, puoi iniziare a prenderne il controllo nel momento in cui urini: contrai i muscoli in modo da interrompere il flusso di urina, facendo attenzione a non sollevare le spalle e a non trattenere il respiro. Una volta acquisito il controllo lo potrai fare ovunque e in qualsiasi momento.

Anche voi maschietti che state leggendo… lo avete anche voi il pavimento pelvico, non trascuratelo!

Dopo circa 15-20 giorni si può iniziare a riattivare l’addome. 3 serie da 15 addominali per incominciare, poi aumentare gradualmente.

Dopo tutte queste belle premesse pero non dire: sì ma poi, sì ma dopo. Si, ma adesso! Prima recuperi, meglio starai con tutta la tua nuova famiglia.

Parola di personal trainer mamma!

gravidanza